Anche quest'anno la legge di Bilancio ha prorogato fino al 31 dicembre 2020 la detrazione fiscale sugli acquisti di mobili ed elettrodomestici effettuati a fronte di interventi di ristrutturazione edilizia, siano essi di immobili di proprietà o che li abbiano ricevuti in affitto.

La detrazione al 50% si riferisce a spese sostenute per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici di classe non inferiore ad A+ o superiore (A per i forni), entro il limite di spesa di 10.000 euro.

L’agevolazione consiste in una detrazione del 50% del costo sostenuto, da ripartire in 10 rate tra gli aventi diritto. Per beneficiare dello sconto fiscale sarà necessario inserire le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi.

Il limite dei 10.000 euro riguarda la singola unità immobiliare, comprensiva delle pertinenze, o la parte comune dell’edificio oggetto di ristrutturazione. Il contribuente che esegue lavori di ristrutturazione su più unità immobiliari avrà diritto più volte al beneficio.

Stai ristrutturando casa? Puoi risparmiare sulle tasse grazie all'Ecobonus


Acquistando un grande elettrodomestico puoi detrarre fino a 5.000€ in 10 anni grazie all'agevolazione IRPEF fino al -50%!

Le agevolazioni sono valide su questi elettrodomestici:

Lavatrici - Lavastoviglie - Asciugatrici - Frigoriferi - Cappe - Forni - Piani Cottura (Elettrici, Gas, Induzione) - Congelatori - Cantinette Per Il Vino - Cucine Free Standing - Forni A Microonde - Piastre Riscaldanti - Apparecchi di Cottura - Stufe Elettriche - Apparecchi Elettrici Di Riscaldamento - Radiatori Elettrici - Ventilatori Elettrici - Apparecchi Per Il Condizionamento

L’Ecobonus vale per i prodotti di classe A+ o superiore (classe A per i forni) In sede di dichiarazione dei redditi potrai scaricare fino al 50% su un massimo di 10.000 euro di spesa per l’acquisto di elettrodomestici. L’ECOBONUS fiscale sarà diviso in 10 rate, questo vuol dire che potrai detrarre dalle tue tasse fino a 500 euro l’anno.
Il bonus sarà in vigore fino al 31 dicembre 2020.


Istruzioni su come acquistare su Freeshop per beneficiare dell'Ecobonus:

Per beneficiare dell'ecobonus è necessario presentare in sede di dichiarazione dei redditi la fattura e copia del pagamento effettuato dove sia indicata la data di acquisto.

Le modalità di pagamento compatibili sono unicamente:
  • Carta di Credito
  • Bonifico bancario
  • Istruzioni in caso di pagamento carta di credito:
    1. Inserire l'ordine sul nostro sito scegliendo come modalità di pagamento carta di credito.
    2. Invia una mail all'indirizzo supporto@freeshop.it richiedendo di emettere fattura invece di una ricevuta fiscale.
    Istruzioni in caso di pagamento con bonifico:
    1. Inserire l'ordine sul nostro sito scegliendo come modalità di pagamento bonifico bancario.
    2. Invia una mail all'indirizzo supporto@freeshop.it richiedendo di emettere fattura invece di una ricevuta fiscale ed il relativo numero e data del documento.
    3. Procedere al pagamento con bonifico indicando come causale la data e il numero fattura comunicati.

    DOMANDE E RISPOSTE

    D: Ho acquistato degli elettrodomestici ed ora avrei intenzione di fare dei lavori di ristrutturazione. Posso detrarre la spesa?

    R: No, purtroppo per poter usufruire della detrazione è necessario sostenere la spesa dopo l’inizio dei lavori di ristrutturazione.

     

    D: Ho letto che fruire della detrazione del 50% tutti coloro che hanno avviato una ristrutturazione purchè le spese per l’acquisto degli elettrodomestici siano sostenute a partire dal 1 Gennaio 2020, io al momento ho in corso la pratica per la detrazione del 55% per la sostituzione degli infissi esterni (presentata nel 2019), posso accedere anch’io al bonus per l’acquisto di elettrodomestici?

    R: No, perché il bonus è collegato solamente alle agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie, mentre la detrazione che si riferisce agli infissi fa parte delle agevolazioni previste per il risparmio energetico. L’Agenzia delle Entrate ha stabilito che la detrazione d’imposta del 55% (65%) non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali previste per i medesimi interventi da altre disposizioni di legge nazionali (quale, ad esempio, la detrazione del 36% - 50% per il recupero del patrimonio edilizio). Nel caso in cui gli interventi realizzati rientrino sia nelle agevolazioni previste per il risparmio energetico, sia in quelle previste per le ristrutturazioni edilizie, il contribuente potrà fruire, per le medesime spese, soltanto dell’uno o dell’altro beneficio fiscale, rispettando gli adempimenti previsti per l’agevolazione prescelta.

     

    D: Ho acquistato un box pertinenziale per il quale ho diritto alla detrazione Irpef del 50%. Posso richiedere anche il bonus mobili?

    R: No, tra gli interventi di recupero del patrimonio edilizio che permettono di avere la detrazione per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici non sono compresi quelli per la realizzazione di box o posti auto pertinenziali rispetto all’abitazione principale.

     

    D: Ho cominciato i lavori di ristrutturazione ad Ottobre del 2019, non ancora conclusi. Se acquisto degli elettrodomestici ora, posso richiedere il bonus?

    R: Si, purché l’acquisto faccia riferimento ai lavori di ristrutturazione e sia effettuato entro il 31 Dicembre 2020.

     

    D: Ho ristrutturato da poco un intero lato della casa, ed ho pagato tutto con bonifico bancario. Vorrei sapere se per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici devo compilare lo stesso modello di bonifico o no?

    R: Non è necessario. Con la circolare 29/E del 18 Settembre 2013 l’Agenzia delle Entrate ha disposto che i pagamenti possono essere effettuati anche con carte di credito o di debito (bancomat). Ovviamente può comunque anche effettuare i pagamenti con bonifico, utilizzando le modalità specifiche indicate dalla sua banca. Per ottenere questo beneficio fiscale tuttavia non è possibile effettuare i pagamenti con assegni e contanti.

     

    D: Ho diritto alla detrazione se acquisto dei mobili all’estero, documentando la spesa con fattura e pagando con carta di credito o di debito?

    R: Si, se si possiede la documentazione richiesta dalla legge e si eseguono gli stessi adempimenti previsti per gli acquisti effettuati in Italia.

     

    D: Sui pagamenti di mobili ed elettrodomestici effettuati con bonifico bancario o postale è sempre prevista l’applicazione della ritenuta?

    R: Ammesso che è possibile pagare anche con carte di credito e di debito (bancomat), il bonifico non sarà soggetto a ritenuta se si utilizza un bonifico diverso da quello appositamente predisposto da banche e Poste per le spese di ristrutturazione edilizia (circ. Agenzia delle Entrate n. 7/E del 31 marzo 2016).

     

    D: Se non faccio opere di ristrutturazione e acquisto solo mobili ed elettrodomestici posso chiedere la detrazione fiscale?

    R: No. La norma fa riferimento ai lavori di cui all’Art.16 bis TUIR (Testo Unico delle Imposte sui Redditi) che elenca espressamente le opere di ristrutturazione che danno diritto ai benefici fiscali.

     

    D: Il massimale di cui si parla per l’acquisto di mobili e elettrodomestici (10.000 euro) è compreso nei 96.000 euro previsti per la ristrutturazione?

    R: No, si tratta di un massimale di spesa aggiuntivo rispetto a quello per le ristrutturazioni edilizie.

     

    D: Quindi se ristrutturo casa e acquisto elettrodomestici posso usufruire di un bonus del 50% su un massimo di 10.000 euro. Ho quindi diritto a uno sgravio di 5.000 euro?

    R: Sì. Non bisogna però confondersi e pensare che lo sgravio avvenga in un’unica soluzione. Il costo è detraibile in 10 anni a rate di uguale importo. Quindi, per 10 anni lo sgravio sarà pari a 500 euro all’anno. Questo nel limite della propria imposta (se l’imposta è minore di 500 euro la detrazione spetta fino all‘occorrenza di tale imposta).

     

    D: Le spese sostenute da un contribuente deceduto per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici possono essere portate in detrazione, per le quote non ancora fruite, dall’erede che conserva la detenzione materiale dell’immobile?

    R: No. La norma non prevede il trasferimento agli eredi della detrazione non utilizzata in tutto o in parte.

     

    D: Ho affittato un appartamento di mia proprietà. Qualora le spese di ristrutturazione siano sostenute dall’affittuario, chi di noi due ha diritto a usufruire del bonus?

    R: Il bonus spetta a chi abbia sostenuto effettivamente le spese.





    Leggi la normativa


    Free Shop Pesaro S.r.l. - Sede operativa uffici Web: Via XXIII Settembre 1845, 77, 47921 Rimini (RN) - P.IVA. 02307990412 - R.E.A. Pesaro n° 171378
    Le informazioni riportate su Freeshop.it possono essere soggette a modifiche senza preavviso. Tutti i marchi citati sono di proprietà delle rispettive case.


    Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Offerta di credito finalizzato valida dal 01/01/2020 al 31/12/2020 come da esempio rappresentativo: Prezzo del bene € 999,90 TAN fisso 9,45%, TAEG 13,64%, in 48 rate da € 25,10 oltre le seguenti spese, già incluse nel calcolo del TAEG: spese incasso e gestione rata € 1,50 per ogni mensilità, imposta di bollo/sostitutiva addebitata sulla prima rata € 2,50, spese comunicazione periodica (almeno una all’anno) € 1,03. Importo totale del credito: € 999,90. Importo totale dovuto dal Consumatore: € 1.283,42. Informazioni (IEBCC/SECCI) nel percorso online. Salvo approvazione di Findomestic Banca S.p.A. per cui Free Shop Pesaro S.r.l. opera quale intermediario del credito non in esclusiva.

      Caricamento...